Posted on

Linfoadenopatia della cavità addominale

La linfoadenopatia della cavità addominale (LAP) è una condizione patologica caratterizzata da un significativo aumento dei linfonodi. È importante diagnosticare la patologia in modo tempestivo per poter evitare di ricorrere al trattamento chirurgico.

Tipi di malattia

I medici identificano 3 forme principali della malattia, tenendo conto del numero di nodi interessati e della loro localizzazione:

  1. Linfoadenopatia locale – Quando un singolo nodo cresce in una determinata area.
  2. Linfoadenopatia della cavità addominale e spazio retroperitoneale – I nodi multipli che si trovano nella stessa area o nelle aree adiacenti sono in aumento.
  3. Linfoadenopatia generalizzata della cavità addominale – è una conseguenza dell’HIV, della toxoplasmosi e di altre malattie così gravi.

Cause dei LAP

Quando viene formulata una diagnosi di linfoadenopatia della cavità addominale, si devono ricercare le cause nelle seguenti malattie:

  • la sifilide;
  • HIV;
  • giardiasi;
  • toxoplasmosi;
  • la tubercolosi;
  • actinomicosi;
  • brucellosi;
  • citomegalovirus.

Tale malattia può svilupparsi in un contesto di infezione batterica o virale.

Sintomi di LAP

Il decorso acuto del LAP è accompagnato da un significativo aumento del linfonodo. La malattia è accompagnata da dolore della zona durante la palpazione e gonfiore e arrossamento della pelle.

Se la forma è cronica, allora il quadro clinico può essere piuttosto sfocato.

I principali sintomi della malattia sono:

    Linfoadenopatia della cavità addominale

  • aumento delle dimensioni della milza e del fegato;
  • segni di febbre;
  • alta temperatura;
  • aumento della sudorazione.

Trattamento della patologia

Per diagnosticare il LAP, devono essere presentati esami del sangue ed eseguiti esami ecografici, TC e radiografici. Il trattamento della linfoadenopatia della cavità addominale viene assegnato individualmente in base all’età del paziente, al tipo di patologia e alle sue manifestazioni.

Le misure terapeutiche e profilattiche per questa malattia consistono in azioni mirate alla correzione dell’immunità. Una biopsia può essere eseguita e la chemioterapia o radioterapia può essere somministrata in base ai suoi risultati.

La linfoadenopatia della cavità addominale, il cui trattamento di tipo conservativo non porta alcun risultato, può essere curata solo in modo operativo. L’intervento chirurgico consiste nella rimozione del linfonodo interessato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

59 + = 65