Posted on

demenza, cos'è?

La demenza acquisita, che colpisce più spesso gli anziani, si chiama demenza (dal latino "follia"). Questa patologia non è congenita, ma acquisita. Prima della malattia una persona è in grado di pensare in modo logico e di servirsi, ma in parte perde queste opportunità.

Demenza - che cos'è?

È importante capire quando la demenza è arrivata, che si tratta di una malattia causata da un danno cerebrale. Le persone di qualsiasi età, non solo gli anziani, sono soggette a demenza e il numero di casi è in costante aumento. In contrasto con altre anomalie, ad esempio l'oligofrenia, questa sindrome viene acquisita e non significa svi luppo della psiche. La demenza è una grave malattia dell'attività nervosa, in conseguenza della quale un paziente perde capacità e conoscenze acquisite e non può comprenderne di nuove. Si osserva la disintegrazione delle funzioni mentali di una persona sana.

Demenza in psicologia

Spesso la sindrome si sviluppa a causa di altre malattie (Parkinson, Pick, Alzheimer, ecc.), Lesioni. Il disturbo si verifica nella corteccia cerebrale e può avere varie forme in termini di gravità e decorso: lieve, moderato e grave. Se c'è una malattia concomitante e progredisce, si sviluppa la demenza stessa, la malattia spersonalizza il paziente. Il paziente perde la maggior parte del pensiero, cessa di conoscere il mondo che lo circonda e l'interesse per la vita si affievolisce. La sindrome si manifesta multiforme: memoria, linguaggio, logica sono rotti, appaiono stati depressivi.

Demenza - le cause di

Questa sindrome si verifica a causa di un danno organico al cervello dopo un trauma o qualche tipo di malattia (a volte più di una volta). Per provocare la sua malattia può più di 200 condizioni patologiche. Con forme specifiche di demenza, i disordini nella corteccia cerebrale sono il principale meccanismo della malattia. In altri casi, la sconfitta del sistema nervoso centrale è una conseguenza di questa sindrome.

la demenza è

Le cause più comuni di demenza sono:

  • Malattia di Alzheimer (fino al 65% di tutti i casi);
  • danno vascolare causato da aterosclerosi, ipertensione arteriosa, alterata circolazione e proprietà ematiche;
  • abuso di alcool e tossicodipendenza;
  • Morbo di Parkinson;
  • La malattia di Pick;
  • trauma craniocerebrale;
  • malattie endocrine (problemi alla tiroide, sindrome di Cushing);
  • malattie autoimmuni (sclerosi multipla, lupus eritematoso);
  • infezione (AIDS, meningite cronica, encefalite, ecc.);
  • diabete mellito;
  • gravi malattie degli organi interni;
  • conseguenza della complicazione dell'emodialisi (purificazione del sangue),
  • grave insufficienza renale o epatica.

Sintomi di demenza

Ci sono tre fasi della malattia, quindi ognuna di esse ha la sua sintomatologia:

  1. Il sintomo principale di questa malattia è un disturbo della memoria progressivo. I segni evidenti di demenza sono improvvisa irritabilità, crudeltà, disordine, regressione nel comportamento umano.
  2. Segni secondari della sindrome: disturbi della memoria amnestica, quando il paziente cessa di riconoscersi allo specchio, confonde il braccio destro e sinistro e così via.
  3. All'ultimo stadio, il tono muscolare inizia ad aumentare, il che può portare a uno stato vegetativo e ad un esito letale.

A seconda del grado della malattia, i suoi sintomi e la reazione del paziente sono espressi in diversi modi:

  1. Con una leggera demenza, è critico nei confronti delle sue condizioni ed è in grado di prendersi cura di se stesso.
  2. Con un grado moderato di danni, c'è una diminuzione dell'intelligenza e difficoltà nel comportamento domestico.
  3. Grave demenza - che cos'è? La sindrome indica una completa disintegrazione della personalità, quando un adulto non può nemmeno gestire autonomamente il bisogno e mangiare.

Come evitare la demenza?

La demenza senile è una delle principali cause di disabilità negli anziani. Sullo sviluppo della sindrome non si riflette nella giovinezza, nel frattempo i primi segni di degradazione possono comparire già in 55-60 anni. Ponendo la domanda su come prevenire la demenza molto prima della sua possibile manifestazione, è necessario introdurre nella vita diverse regole e abitudini utili:

  • rifiuto da alcol e fumo;
  • corretta alimentazione (assunzione giornaliera della quantità necessaria di vitamine, esclusione di fast food e cibi grassi);
  • attività fisica moderata;
  • attività intellettuale;
  • tranquillità (evitare lo stress, evitare l'irritazione);
  • prevenzione della carenza di vitamina D - la sua mancanza nel corpo porta allo sviluppo della malattia di Alzheimer e della conseguente demenza.

demenza, cos'è?

Tipi di demenza

La manifestazione della sindrome dipende dalle parti del cervello interessate, dai processi patologici, dalla presenza di malattie concomitanti o primarie, dall'età del paziente. Per localizzazione della malattia, la demenza è divisa in diversi tipi:

  1. corticale, che si forma quando la corteccia è danneggiata. È suddiviso in sottotipi: frontale (lobo frontale) e frontotemporale (danno al lobo frontale).
  2. Sottocorticale o sottocorticale, a cui sono interessate le strutture subcorticali.
  3. Cortico-sottocorticale (ci sono entrambi i tipi di sconfitta sopra descritti).
  4. multifocale, Quando il cervello ha più lesioni.

Demenza senile

La demenza legata all'età è una patologia comune che colpisce le persone di età avanzata. A causa della mancanza di nutrizione, i neuroni nel cervello muoiono e questo porta a cambiamenti irreversibili. Nella fase iniziale della sindrome, una persona potrebbe non capire, quindi è stato colpito dalla demenza, che questa è una malattia che può portare alla completa follia. I primi segni della malattia sono riduzione della concentrazione e rapido affaticamento. Altri precursori: rallentamento dell'attività intellettuale, difficoltà nelle azioni elementari, cambiamenti dell'umore.

Demenza alcolica

Non necessariamente la malattia colpisce persone di età avanzata. Con a lungo termine - 15 anni - l'abuso di bevande alcoliche si verifica demenza alcolica, i sintomi di cui: degrado sociale, la perdita dei valori morali, declino mentale, sbadataggine, un disturbo della memoria, di turbativa degli organi interni, modifiche atrofiche nel cervello. Di solito il degrado della personalità è l'ultimo stadio dello sviluppo dell'alcolismo. Fino al 20% di tutti i pazienti ha acquisito questa diagnosi a causa dell'abuso di alcol.

Il pericolo dell'alcol etilico è che interrompe il lavoro dei neurotrasmettitori responsabili delle emozioni. Dall'abuso di alcol soffrono gli organi interni, le pareti dei vasi sanguigni, il cervello. La demenza di questa specie appare dopo un danno prolungato ai neuroni con alcool etilico. E di solito lo sviluppo della malattia si osserva nella terza fase della dipendenza, quando una persona perde il controllo sulla qualità e sulla quantità di ubriaco.

demenza senile

Demenza organica

Una delle cause della demenza acquisita è il danno cerebrale dovuto a lesioni craniocerebrali, infiammazioni e lividi. Come l'impulso per lo sviluppo può essere una malattia vascolare, l'AIDS, la sifilide, ecc demenza organico -. Una malattia che può essere totale quando la sofferenza di tutte le forme di attività cognitive (pensiero, attenzione, memoria, ecc) e parziale (parziali). Nel secondo caso, sono interessati alcuni aspetti del processo cognitivo, con la relativa conservazione del pensiero critico e del comportamento sociale.

Demenza schizofrenica

Varie malattie associate alla demenza mostrano sintomi specifici. Nella schizofrenia, una sindrome caratterizzata da una diminuzione trascurabile intelligenza, ma l'emergere di apatia, l'inadeguatezza, la formazione di psicosi e paranoia. Il periodo di esacerbazione inizia sullo sfondo di uno stato emotivo oppresso. Quindi segue il disorientamento nello spazio. La demenza schizofrenica è la demenza, in cui la memoria rimane invariata per lungo tempo, ma non vi è alcuna intenzione. Il comportamento del paziente è caratterizzato come strano e indifeso.

Come comportarsi con pazienti affetti da demenza?

Con questa malattia, la previsione è dubbia. La principale difficoltà sono i frequenti cambiamenti nella personalità e nel comportamento. E la domanda principale che preoccupa i parenti dei pazienti: come aiutare il paziente con demenza. Esistono programmi di trattamento individuali e misure sociali e riabilitative. È importante capire e distinguere che la demenza è un tale modello di comportamento, non una patologia. L'ambiente è importante per sintonizzarsi con l'interazione positiva, perché dipende da loro come il paziente si manterrà in contatto con il mondo esterno. Si raccomanda di seguire semplici consigli riguardo al paziente:

  • formulare chiaramente domande, parlare lentamente e chiaramente;
  • dare consigli se la persona non fa fronte, essere in grado di aspettare;
  • prendere possesso dell'attenzione del paziente;
  • per dividere le azioni in una catena di semplici passaggi;
  • comunicare in modo positivo.

demenza senile

Come trattare la demenza?

Per un trattamento efficace, è necessario diagnosticare la sindrome della demenza il prima possibile e la tattica del trattamento dipende dalla diagnosi. Non esiste una chiara raccomandazione sul trattamento della demenza senile, perché ogni persona è individuale. Ma un'adeguata cura, l'uso di farmaci rinforzanti e farmaci che normalizzano il cervello, possono ridurre significativamente il livello di degrado e persino fermare completamente la demenza. Con una terapia competente, le deviazioni delle funzioni cognitive sono reversibili.

  1. Per ridurre le manifestazioni della malattia può anche essere attraverso la normalizzazione della nutrizione e del regime (ad esempio, nel caso della demenza alcolica).
  2. Prevenire la morte delle cellule nervose ed eliminare i sintomi della malattia e della droga. La base della terapia comprende farmaci per migliorare i processi nervosi, normalizzare la circolazione del sangue nei vasi sanguigni e farmaci che rafforzano le connessioni neurali nel cervello.
  3. I pazienti hanno bisogno non solo di farmaci, ma anche di aiuto psicologico. La terapia psicosociale, che influenza positivamente l'umore del paziente e migliora le disabilità cognitive durante il decorso della malattia, si è dimostrata efficace. Effetti benefici sulla condizione generale del contatto con i propri cari, animali, musicoterapia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

− 1 = 1