Posted on

teoria della motivazione nella gestione

La motivazione implica il processo di motivare una persona a una particolare attività al fine di raggiungere obiettivi, sia la propria che l'organizzazione. Per stimolare i dipendenti, è importante influenzare i loro interessi e consentire loro di essere realizzati nel lavoro. Ad oggi, ci sono diverse teorie ampiamente utilizzate dai manager di diverse aziende.

Teorie moderne della motivazione

I meccanismi proposti dai noti psicologi del secolo scorso diventano sempre più irrilevanti, poiché la società è in continua evoluzione. I manager moderni usano sempre più le teorie procedurali di motivazione che considerano i bisogni come parte di un processo comportamentale associato a una particolare situazione. L'uomo, per raggiungere un obiettivo specifico, distribuisce lo sforzo e sceglie un determinato tipo di comportamento. Ci sono diverse teorie moderne di motivazione nella gestione.

  1. aspettativa. Indica che una persona dovrebbe credere che una scelta perfetta ti consentirà di ottenere ciò che desideri.
  2. Impostazione degli obiettivi. Spiega che il comportamento dell'individuo dipende dal compito.
  3. uguaglianza. Si basa sul fatto che durante il lavoro una persona paragona le proprie azioni con altre persone.
  4. Gestione partecipativa. Dimostra che una persona con piacere partecipa al lavoro intra-organizzativo.
  5. Incentivi morali. Si basa sull'uso della motivazione morale per l'azione.
  6. Incentivi finanziari. Implica l'uso di vari incentivi monetari.

Teoria di base della motivazione

Più spesso, i concetti basati sullo studio dei desideri vengono usati per studiare i fattori stimolanti nell'uomo. Per comprendere i meccanismi di motivazione per una determinata attività, è importante tenere conto dei principali modelli di contenuto e natura procedurale. Le teorie di base sulla motivazione del personale nella gestione indicano che un importante incentivo per una persona sono i suoi bisogni interni, quindi i manager devono imparare come comprenderli correttamente. Vale la pena notare che molti sistemi esistenti necessitano di miglioramenti per operare nel mondo moderno.

La teoria della motivazione di Herzberg

Come risultato di numerosi studi in diverse aziende, lo psicologo americano ha scoperto che per la maggior parte delle persone un buon stipendio non è il fattore principale nell'ottenere il piacere del lavoro, ma solo impedisce loro di essere licenziati. La teoria a due fattori di Herzberg nella gestione definisce due importanti categorie, che sono per le persone una motivazione perfetta.

  1. Fattori igienici. Questo gruppo include le ragioni che sono importanti per una persona in modo che non voglia smettere: stato sociale, paga, politica del capo, relazioni interpersonali e condizioni di lavoro.
  2. Fattori motivanti. Ciò include incentivi che spingono una persona a svolgere i propri compiti. Includono: possibile crescita della carriera, riconoscimento delle autorità, possibilità di creatività e successo. La soddisfazione di tutti i dettagli specificati consente di motivare la persona a lavorare.

teoria della motivazione nella gestione1

Teoria della motivazione di Maslow

Questo è uno dei metodi più dettagliati e completi per classificare i bisogni di una persona. Secondo il noto psicologo, la qualità della vita dipende direttamente da quanto le persone sono state soddisfatte con le proprie aspirazioni. La teoria di Maslow nella gestione è usata più spesso di altre. È stata sviluppata una speciale piramide, basata sui più importanti bisogni fisiologici.

Maslow crede che per avanzare in cima alla scala è necessario soddisfare i requisiti di ogni passo. È importante notare che l'autore ha ripetutamente sottolineato che nella sua teoria della motivazione nella gestione la piramide personifica i desideri della società, e non di una particolare persona, dal momento che tutte le persone sono individuali e, come è noto, ci sono eccezioni a una regola importante.

teoria della motivazione nella gestione2

La teoria della motivazione di McClelland

Lo psicologo americano ha proposto il proprio modello di aspirazioni umane, che sono divise in tre gruppi: il desiderio di potere, successo e coinvolgimento. Si presentano durante la vita come risultato di acquisire esperienza, lavorare e comunicare con le persone. La teoria di McClelland nella gestione indica che le persone che aspirano al potere devono essere motivate, dando più fondi e iniziative per raggiungere l'obiettivo, creando fiducia nelle proprie capacità e competenze e interessati agli obiettivi dell'intero team.

Il secondo punto nella teoria della motivazione nella gestione di McClelland è la necessità del successo. Per le persone che cercano il successo, lo stesso processo per raggiungere l'obiettivo è importante, ma anche la responsabilità. Dopo aver ricevuto il risultato, contano sull'incoraggiamento. Il terzo gruppo è composto da persone interessate ai rapporti interpersonali, quindi per la loro motivazione è necessario essere interessati alla propria vita personale.

teoria della motivazione nella gestione3

La teoria della motivazione di Freud

Un noto psicoanalista credeva che una persona durante la sua vita sopprimesse molti desideri, ma non spariscono mai completamente e si manifestano nei momenti in cui una persona non si controlla, ad esempio, in un sogno o in una riserva. Quindi Freud conclude che le persone non riescono a comprendere appieno la motivazione delle proprie azioni, e in misura maggiore riguarda gli acquisti.

Gli esperti in gestione devono studiare le motivazioni subconsce dei consumatori, cercando di rivelare le loro aspirazioni più profonde e non notare ciò che è in superficie. La teoria della motivazione di Freud implica l'utilizzo dei seguenti metodi di ricerca: associazioni libere, interpretazioni di immagini, giochi di ruolo e completamenti di frasi, che forniscono informazioni più importanti rispetto ai test convenzionali.

teoria della motivazione nella gestione4

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

4 + 2 =